.
Annunci online

partitodemocraticofrancia
Blog ufficiale della sezione Francese del Partito Democratico


Date da ricordare:

13 dicembre: nelle sale della mairie del 13° dalle ore 14h Camp sulla ricerca. Interverranno Ivan Scalfarotto, Maurizio Chiocchetti, Maurizio Ferraris e Irene Tinagli.

6 dicembre: manifestazione Pro Saviano e contro tutte le mafie, Place d'Italie dalle 15,00 alle 20,00.

3 dicembre: ore 19h00 incontro su politica e giustizia con il deputato del PD eletto nella circoscrizione Europa Gianni Farina presso la Fédération de Paris du Parti socialiste 32, rue Alexandre Dumas, 75011 Paris 2° piano.

25 novembre: riunione pubblica PD Parigi, 18h30, 28, rue Claude Tillier, 75012 Parigi.

14 novembre: presidio contro la riforma Gelmini davanti al consolato venerdi 14 novembre dalle 10h00 alle 15h00 in Rue Emile Augier n.5, 75016, Parigi.

25 ottobre: Salva l'Italia a Parigi, dalle 14h alle 20h, Salle du Fer à Cheval, Marie du XIII, 1, Place d'Italie, 75013 Parigi.

Link al sito di:

Contattaci:
28 gennaio 2008
Riunione comitato PD Parigi
Ecco il resoconto puntuale (e ufficiale) della riunione tenutasi venerdì 25 gennaio.

La riunione si è aperta con la constatazione della nuova agenda politica che la crisi di Governo detta ormai anche nel processo di costruzione del Partito democratico.

Secondo l’ordine del giorno, si è discusso in seguito dello Statuto del PD all’estero. I lavori sulla redazione dello Statuto nazionale e sulla preparazione dello Statuto del PD all’estero procedono e il gruppo parigino concorda sull’opportunità di seguire il lavoro della Commissione Vassallo con la massima attenzione. Il 19 gennaio si è tenuto a Moena un seminario relativo ai contenuti da proporre al comitato di redazione dello statuto dove si é discusso quanto elaborato nel gruppo di lavoro ristretto. All’incontro di Moena hanno partecipato una ventina di delegati eletti all’Assemblea costituente dall’estero, espressione di tutte le aree provenienti da Germania, Svizzera, Francia, Belgio, Repubblica Ceca, Spagna.
Il resoconto dell’incontro internazionale di Moena ha illustrato gli emendamenti proposti alla Commissione Statuto del PD. Qui di seguito gli emendamenti richiesti a Moena:

•   art. 8 comma 3:  aggiungere nella composizione del Cordinamento Nazionale un/i responsabile/i del partito democratico della circoscrizione estero;

•    art.10 comma 3: (Le forme, le modalità di organizzazione, le regole per le intese con le forze politiche e sociali dei Paesi di residenza, sono stabilite (sostituire le seguenti) in un apposito regolamento approvato dal Coordinamento nazionale con il voto favorevole della maggioranza assoluta dei suoi componenti (con le parole) nello statuto del Pd della circoscrizione estero che sarà, in conformità alle regole del successivo capo terzo, approvato dall’organismo assembleare del PD eletto all’estero;

•    art.11 commi 1,2 e 3: aggiungere dopo le Unione Regionali e le Unioni provinciali di Trento e Bolzano, la Circoscrizione Estero.

Altre modifiche sono state proposte relativamente alla possibilità di stabilire in modo autonomo alleanze politiche nel quadro di elezioni locali (art. 10 comma 2) e relativamente alla possibilità di garantire un sostegno finanziario alla struttura estera del PD (art. 36). Queste ulteriori modifiche saranno presentate contestualmente agli emendamenti alla Commissione Statuto nella riunione del 1 febbraio. Lo Statuto del PD all’estero verrà in seguito redatto sulla base di una bozza presentata dal gruppo di lavoro che ha proceduto alla redazione dello Statuto nazionale e approvato dall’assemblea dei delegati esteri che si dovrebbe riunire in coda alla prossima assemblea costituente prevista per il primo marzo a Napoli, calendario politico permettendo.

Successivamente si è affrontato il tema della struttura parigina. La proposta di creare un’associazione Legge 1901 per procedere all’organizzazione di iniziative politiche in previsione delle prossime scadenze (elezioni municipali francesi, referendum ed eventualmente prossime elezioni politiche) é stata accolta da tutti i presenti come un’occasione per iniziare a lavorare con un metodo decisionale pragmatico e aperto: l’assemblea dell’associazione prenderà le decisioni a maggioranza e individua Bruno Besana come Presidente, Beatrice Biagini come Segretaria e  Aldo Bechi come Tesoriere. Il Comitato per il PD, costituitosi in preparazione delle primarie dell’ottobre 2007, si scioglie. Le risorse finanziarie del Comitato, pari a circa 500,00 euro raccolti durante le primarie e forniti dal Comitato nazionale in previsione di spese relative alle primarie, confluiscono nella nuova associazione e ne costituiscono il capitale di dotazione.

Infine è stato affrontato il tema del sostegno alla campagna elettorale del candidato a Sindaco di Parigi di Bertrand Delanoe. L’assemblea di 25 partecipanti al voto ha dato parere favorevole con 24 voti a favore e 1 astenuto alla proposta di appoggiare pubblicamente la candidatura del candidato socialista e di attivarsi concretamente attraverso iniziative politiche pubbliche. Si è dato mandato alla segreteria di verificare la possibilità di organizzare un incontro pubblico con i candidati della lista comunale di Delanoe e un rappresentante del PD italiano.
Si è inoltre dato parere favorevole (25 votanti, 24 voti favorevoli, 1 astenuto) alla possibilità di sostenere il lavoro della Commissione Federale Europa del PS dove saranno presenti i partiti  europei presenti a Parigi che sostengono il candidato socialista. Il primo appuntamento è previsto per giovedì 31 gennaio alle 19h in 32, rue Alexandre Dumas (XI arrondissement) presso la Federation de Paris du Parti Socialiste.

La segreteria procederà a:

•    inviare alla mailing list e a inserire sul blog http://partitodemocraticofrancia.ilcannocchiale.it la bozza di statuto dell’associazione parigina per il PD al fine di individuare nome e ragione sociale in tempi brevi e procedere alla registrazione dell’associazione;
•    inviare un comunicato stampa con l’annuncio della nascita dell’associazione, il sostegno a Delanoe e le posizioni parigine circa la stesura dello Statuto del PD all’estero;
•    comunicare a Maurizio Chiocchetti, Responsabile del PD italiani all’estero, gli esiti della riunione e le posizioni relative allo Statuto e alle elezioni francesi;
•    Verificare le condizioni per organizzare una riunione tematica sui Comites e il funzionamento del CGIE.

La prossima riunione è fissata per il 21 febbraio alle 19 presso la sede Acli 28, rue Claude Tillier, 75012 Paris.

Beatrice Biagini





permalink | inviato da partitodemocraticoparigi il 28/1/2008 alle 20:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
29 ottobre 2007
POLITICA
Impressioni di Milano

Di ritorno dall'assemblea di Milano, Francesca Pollastrini, eletta nella ripartizione Europa e residente in Francia, ci scrive le sue impressioni, che siamo felici di riportare qui:


Che sarebbe stato un grande momento di ars oratoria lo sapevamo. Che avrebbe parlato di come l’Italia può cambiare, di come tutti possiamo aiutarla a cambiare era da aspettarselo, e per fortuna. Ma quando ho visto che parti importanti della scenografia erano foto, foto e ancora foto di gente che sorride, che lavora, proprio come nella campagna per la sua rielezione a sindaco di Roma, mi son detta qui c’è qualcosa in più. E ho pensato al suo “orgogliosi di essere romani”.

Poi è entrato Prodi che ha detto sarò sintetico e ha parlato per un’ora, ma sì, dai, era necessario. Subito dopo è entrato Veltroni. Io non ho esperienza politica, proprio no, ma so riconoscere un discorso bello e accessibile da un discorso sintatticamente perfetto, ma troppo pesante da essere ascoltato, senza avere il testo sotto gli occhi. Veltroni non fa frasi lunghe, quasi mai. C’è un soggetto, seguito quasi subito dal suo verbo e poi rapidamente uno o due complementi. Punto. Poi si ricomincia: altro soggetto(oppure lo stesso di prima), altro verbo… Anche questa è democrazia, anche questa è apertura a tutti i soggetti della società: persone colte che se non usano un congiuntivo ogni 25 parole si sentono male, persone che hanno scelto l’Italia pur avendo nel cuore il loro Paese d’origine, adolescenti che stanno terminando il liceo, ma anche le loro nonne che la storia di questo Paese la conoscono, non perché l’hanno studiata, ma perché c’erano e quella Storia l’hanno fatta.

Temevo una troppo invadente presenza della metafora del sogno, di un vocabolario troppo legato al sogno, a quel dream che, secondo me, lessicalmente, non fa molto bene alla politica. Non perché non sia giusto sognare, proprio no, anzi credo che siano il sogno, il desiderio che ci spingono a fare, ma purtroppo il sogno può essere avvicinato e maldestramente confuso con l’irrealizzabile. Veltroni ha detto solamente che quel giorno si avverava il sogno suo e di Romano, poi però ha messo da parte il sogno e ha parlato delle cose da fare, delle cose che disturbano (e ha avuto l’audacia di parlare della sicurezza delle città), ma anche quelle su cui dobbiamo costruire una nuova identità, un nuovo orgoglio di essere italiani. Perché la bellezza e le differenze geografiche e naturali del nostro Paese sono una risorsa per fare dell’Italia un grande laboratorio di progresso ambientale. Le risorse naturali sono realtà, non sono un sogno. In Italia c’è il sole: è vero. E quindi è possibile e realizzabile uno sviluppo delle tecniche di energia solare. L’Italia è riuscita a uscire da momenti storici difficilissimi. Sono queste caratteristiche positive su cui dobbiamo lavorare, per essere fieri, orgogliosi di essere italiani. Poi ci ha fatto cantare l’inno di Mameli. Io non me l’aspettavo, e ancora oggi mi stupisco perché conosco tutte le parole, fino alla fine, e fino alla fine non mi sono trovata ridicola.

Chiedo venia per l’inevitabile confronto con la Francia. Pur avendo fatto un discorso di centro-sinistra, Veltroni ha alcune cose in comune con Sarkozy. Nel modo di parlare, nell’audacia di andare a rubare all’avversario argomenti che si credevano proprietà altrui, rilavorarli e farli propri. Sapere che Sarkozy in Francia ha stravinto non mi rallegra affatto, ma se queste sue tecniche di essere positivi, di guardare al futuro sono vincenti, allora è bene iniziare a utilizzarle pure noi. Veltroni, secondo me, è più sensibile di Sarkozy, più rispettoso del passato, di quel patrimonio storico, inevitabilmente positivo e negativo, che ci ha portati fino a qui e che è parte fondante della nostra identità. Sarko, invece, è troppo nell’andare avanti e sembra abbia paura di voltarsi a vedere quale è stato il cammino che ha portato la Francia fino qui.

Umilmente e timidamente, ringrazio tutti voi che mi avete aiutato a essere eletta. E’ una responsabilità grande e i miei silenzi in rete vi dimostrano quanto, ogni tanto, non mi trovi all’altezza. Ma ci sarò, anzi ci sono e sabato ci sono stata. Non abbiamo potuto dire la nostra, questo è vero, ma è stata una grande prima giornata. Le prossime dovranno essere più aperte, più feconde, ma è solo l’inizio di un lungo cammino.




permalink | inviato da partitodemocraticoparigi il 29/10/2007 alle 11:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
27 ottobre 2007
Assemblea Nazionale
Domani la prima riunione dell'assemblea costituente nazionale del PD che potrà essere seguita in diretta internet sul sito del partito democratico.



permalink | inviato da partitodemocraticoparigi il 27/10/2007 alle 1:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
24 ottobre 2007
POLITICA
Eletti ...
Infine il sito del partito democratico pubblica tutti gli eletti ufficiali per l'assemblea costituente del 27 ottobre. Dalla Francia saranno presenti: Francesca Pollastrini (Democratici nel mondo per Veltroni), Barbara Revelli (Democratici nel mondo per Veltroni) e Maura Galantis (L'altra Italia con Veltroni), elette nella ripartizione Europa.



permalink | inviato da partitodemocraticoparigi il 24/10/2007 alle 19:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
16 ottobre 2007
POLITICA
Risultati in Europa
Ecco i risultati appena pubblicati sul sito del partito democratico del collegio Europa:

Democratici nel mondo per Veltroni      2697 voti (31.23%) e 12 eletti
L'altra Italia con Veltroni                       4480 voti (46.91%) e  17 eletti
Democratici per Enrico Letta                1887 voti (21.85%) e 8 eletti
 
per un totale di 9064 voti validi.




permalink | inviato da partitodemocraticoparigi il 16/10/2007 alle 21:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
16 ottobre 2007
Il PSE si congratula con Walter Veltroni e da il benvenuto al nuovo Partito Democratico
Il presidente del PSE Poul Nyrup Rasmussen ha espresso le sue congratulazioni a Walter Veltroni per la sua elezione a primo segretario del nuovo Partito Democratico.
Poul Nyrup Rasmussen ha poi osservato che "l'impressionante partecipazione alle Primarie di domenica, rappresenta un formidabile inizio per il nuovo partito." "Gli italiani sono stanchi della politica vecchia, e il Partito Democratico rappresenta uno strumento nuovo e progressista. Il fatto che tre milioni e mezzo di italiani siano andati a votare per un nuovo leader è un segno lampante del grande desiderio di cambiamento degli italiani."
"Il Centrosinistra italiano è all'avanguardia di una politica nuova che viene osservata con grande interesse da parte di molti paesi. Dobbiamo superare le vecchie divisioni del centrosinistra e unirci sulla base di una nuova agenda di riforme progressiste. Questo è il motivo per il quale il PSE ha sempre supportato e sostenuto il Partito Democratico; è per questo che collaboriamo con i Democrats statunitensi; è per questo che lo statuto del PSE prevede una famiglia politica tra democratici progressisti, socialisti e social democratici."




permalink | inviato da partitodemocraticoparigi il 16/10/2007 alle 14:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
14 ottobre 2007
POLITICA
Risultati di Parigi
Ecco i risultati appena scrutinati dei tre seggi di Parigi





permalink | inviato da partitodemocraticoparigi il 14/10/2007 alle 21:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
5 ottobre 2007
POLITICA
Primarie 14 ottobre - seggi e modalità di voto
Seggi di voto in Francia
Paris – 28, rue Claude Tillier, 75012, M Reuilly Diderot
Paris – Association Les Garibaldiens : 20, rue des Vinaigriers, 75010, M Jacques Bonsergent
Paris, « PS section du XIV », 51, re de Gergovie, 75014, M. Pernety
Lyon, Federazione Partito socialista del Rodano, Cours della libertè, N. 65 terzo arrondissement.(69003)
I seggi saranno aperti dalle ore 7 alle ore 20
Possonovotare tutti i cittadini italiani che abbiano compiuto sedici anni. Non é necessario essere iscritti all'Aire


Modalità di voto telematico
Per chi fosse impossibilitato a muoversi, o per le persone residenti altrove fuori dall'Italia, sarà possibile votare per via telematica, secondo le seguenti modalità:
Per votare occorre fornire un documento di identità, un numero di telefono e un indirizzo mail. NON OCCORRE ESSERE ISCRITTI ALL'AIRE
Ricordiamo che la votazione al seggio é un momento civico importante. Potremo conoscerci, scambiare suggerimenti per attività future, e, per chi lo volesse, versare un contributo volontario per finanziare la nostra attività comune (vi ricordiamo fino ad oggi é stata possibile solo grazie allo sforzo dei simpatizzanti).
Per chi fosse impossibilitato a muoversi, o per le persone residenti altrove fuori dall'Italia, sarà possibile votare per via telematica, come descritto qui .



permalink | inviato da partitodemocraticoparigi il 5/10/2007 alle 19:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
5 ottobre 2007
Liste per Enrico Letta
I candidati in appoggio ad Enrico Letta in Europa ci spiegano il senso della loro candidatura.
Da leggere in allegato qui oppure direttamente sul blog.



permalink | inviato da partitodemocraticoparigi il 5/10/2007 alle 18:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
5 ottobre 2007
14 ottobre - seggi e modalità di voto
Seggi di voto in Francia
Paris – 28, rue Claude Tillier, 75012, M Reuilly Diderot
Paris – Association Les Garibaldiens : 20, rue des Vinaigriers, 75010, M Jacques Bonsergent
Paris, « PS section du XIV », 51, re de Gergovie, 75014, M. Pernety
Lyon, Federazione Partito socialista del Rodano, Cours della libertè, N. 65 terzo arrondissement.(69003)

Modalità di voto telematico

Per chi fosse impossibilitato a muoversi, o per le persone residenti altrove fuori dall'Italia, sarà possibile votare per via telematica, secondo le seguenti modalità:

1- Richiesta preventiva di partecipazione al voto
La richiesta dovrà essere effettuata sul sito de l’Ulivo http://votonline.ulivo.it/P0_WELCOME.aspx  tra le ore 12.00 del 1 ottobre e le ore 24.00 dell’11 ottobre 2007. Naturalmente pubblicheremo il link di accesso al voto anche su altri siti (partiti, candidati, associazioni, etc.) che rimanderanno al sito del voto de l’Ulivo. All’atto dell’iscrizione verranno richiesti i dati anagrafici nonché il numero del telefonino. Quest’ultimo sarà indispensabile per poter esprimere il proprio voto il 14 ottobre. La schermata della registrazione rifiuterà eventuali accessi provenienti dall’Italia.

2- Invio della password sul telefonino dell’elettrice/elettore
Scaduti i termini di invio della richiesta e prima della giornata di votazione sarà inviato sul telefonino del richiedente un SMS contenente una password personale con la quale il giorno del voto l’elettore potrà, sempre tramite internet, accedere alla schermata del voto.
 
3- Il giorno del voto
Il 14 ottobre l’elettore potrà accedere al voto utilizzando la password personale.
La votazione vera e propria avverrà solo ed esclusivamente sulla pagina a ciò predisposta all’interno del sito de l’Ulivo. Avvenuto l’accesso alla schermata relativa alla ripartizione elettorale della persona preiscritta, verrà visualizzato un numero di telefono gratuito che l’elettore dovrà comporre con il telefonino indicato all’atto della preiscrizione. L’elettore dovrà quindi comporre questo numero, dando al sistema informatico la possibilità di verificare che la richiesta (e quindi il voto) arrivi effettivamente da un paese estero, e verrà poi indirizzato alla schermata per esprimere il proprio voto.

Eventuali tentativi di voto on-line provenienti dall’Italia verranno in questo modo esclusi.  E’ da tener presente che il sistema informatico non effettuerà alcuna connessione tra il codice segreto dell’elettore (e quindi l’identità dell’elettore stesso) ed il voto espresso. La raccolta e l’utilizzo dei due dati avvengono su due binari paralleli, che non permettono di far risalire un determinato voto ad un codice personale.

Il meccanismo descritto, apparentemente complicato, è l’unico strumento che permette di garantire la segretezza e l’unicità del voto. 



permalink | inviato da partitodemocraticoparigi il 5/10/2007 alle 15:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Rubriche
Link
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.
Curiosità
blog letto 1 volte